CBD e ADHD



Alle persone che soffrono di ADHD vengono sempre più prescritti psicostimolanti, che non solo possono creare una forte dipendenza, ma studi hanno dimostrato che possono persino causare aggressività, depressione e disturbi psicotici. I rimedi erboristici potrebbero anche essere usati naturalmente per l'ADHD. Il cosiddetto olio di CBD (cannabidiolo) può funzionare con l'ADHD??

In questo post puoi leggere fino a che punto l'olio di CBD ottenuto dalle piante di canapa potrebbe funzionare contro l'ADHD.

Trattamento farmacologico per l'ADHD

In Svezia, gli psicostimolanti sono stati prescritti per l'ADHD dal 2002. Compreso il noto Ritalin e farmaci simili. Questi farmaci hanno scatenato un grande dibattito sugli effetti collaterali, poiché si sospetta che il Ritalin causi un aumento del nervosismo e un aumento del battito cardiaco e mal di testa. Inoltre, il Ritalin può anche portare a carenze vitaminiche, cambiamenti nella psiche, nonché allucinazioni e numerose altre sequele.

Il lungo elenco di effetti collaterali e interazioni che tali farmaci portano con sé suscita il desiderio di alternative naturali nelle persone colpite. Uno dei rimedi naturali è il cannabidiolo contenuto nell'olio di CBD, che rapporti di esperienza e studi hanno dimostrato può avere effetti positivi sull'ADHD.

Olio di CBD per l'ADHD?

Chi soffre di ADHD soffre di bassi livelli di dopamina. La dopamina è un importante neurotrasmettitore. Questo controlla le capacità cognitive e determina le prestazioni della memoria, l'attenzione e l'umore. Se le quantità di dopamina sono troppo basse, possono manifestarsi disturbi dell'attenzione. Il CBD può promuovere la trasmissione del neurotrasmettitore nel cervello. Questo potrebbe migliorare i processi cognitivi in generale.

Inoltre, vari studi sugli animali mostrano che il CBD può ridurre l'iperattività nell'ADHD e ha effetti calmanti e rilassanti.

Inoltre, è possibile che il CBD riduca la mancanza di concentrazione che si verifica nell'ADHD, poiché il CBD può attivare i recettori dell'adenosina. Eventuali ulteriori paure e distrazioni che possono sorgere possono così essere ridotte.

Il cannabidiolo colpisce il sistema endocannabinoide nel nostro corpo e interagisce con i recettori CB1. Il rilascio dell'ormone dello stress cortisolo è inibito e con l'ADHD può avere un effetto calmante positivo sull'organismo stressato. Il CBD potrebbe anche attivare la produzione di serotonina, che crea uno stato d'animo positivo e aumenta l'autostima.

Da studi che trattano il CBD nell'ADHD si può affermare quanto segue:

aumento della concentrazione

ridotta iperattività

capacità cognitive migliorate

sonno migliorato

A differenza delle medicine classiche come il Ritalin, l'olio di CBD non ha quasi nessun effetto collaterale. In rari casi possono verificarsi secchezza delle fauci, stanchezza o perdita di appetito. Tuttavia, questi effetti sono molto meno comuni degli effetti collaterali causati dal Ritalin e da farmaci simili.

Gli oli CBD disponibili in Svezia sono ricchi di CBD e non contengono tracce di THC. Per questo motivo sono disponibili senza restrizioni e potrebbero essere utilizzati anche come integratore alimentare permanente per l'ADHD.

Dosaggio dell'olio di CBD per l'ADHD

L'ADHD o ADD può manifestarsi in forme molto diverse, sia nei bambini che negli adulti. Consigliamo ai principianti di aumentare lentamente il dosaggio dell'olio di CBD per l'ADHD. A seconda della gravità e della sensibilità, è spesso necessario un dosaggio individuale.

L'ADHD a colpo d'occhio

I professionisti medici non sono d'accordo sulle cause esatte dell'ADHD. Tra gli altri, lo psichiatra Leon Eisenberg ha lavorato intensamente con l'ADHD. In Germania, Eisenberg è entrato nell'attenzione dopo la sua morte in un'intervista pubblicata nel 2012, in cui è stato citato dicendo che l'ADHD è solo una "malattia fittizia" (malattia prodotta artificialmente).

Fino ad oggi, la scienza non è d'accordo sul fatto che l'ADHD sia effettivamente una malattia nel vero senso della parola.

Il punto di partenza per l'ADHD potrebbe essere una mancanza di flusso sanguigno in alcune aree del cervello. Le sostanze messaggere come la dopamina, la noradrenalina e la serotonina non sono sufficientemente prodotte ed è probabile che si verifichi un'interruzione del segnale dal cervello frontale alle aree cerebrali più profonde.

I ricercatori ipotizzano che il corpo cerchi di attivare la circolazione sanguigna attraverso l'irrequietezza motoria per riportare in equilibrio le sostanze messaggere. Questo crea processi nel cervello che sono misurabili dal punto di vista medico, ma le cause esatte e i cambiamenti nei processi psicologici sono controversi.

A seconda del tipo e della gravità dell'ADHD o dell'ADD, vengono utilizzati i seguenti metodi di trattamento convenzionali:

Psicoterapia (terapia comportamentale, terapia familiare)

Terapia occupazionale

Terapia dell'apprendimento (per dislessia o discalculia LRS)

Logopedia (per i ritardi nello sviluppo legati al linguaggio)

Farmaco

In definitiva, puoi decidere solo tu stesso o insieme a un medico se l'olio di CBD è un'alternativa a base di erbe sensata per te nell'ADHD o se preferisci affidarti a metodi di trattamento convenzionali.



Post più vecchio Post più recente